Differenze tra i broker forex

Trovare il miglior broker forex non è sicuramente cosa semplice. Per far ciò, nella maggiorparte dei casi, sono necessari mesi se non anni di ricerca. Ecco che il nostro sito ha deciso di creare un articolo differenziando le due grandi tipologie di broker, in modo da permettervi di fare profitti senza dover incappare in situazioni spiacevoli.

ECN o Market Maker? Qual’è il miglior broker forex tra questi due?

Negli ultimi 10 anni, i market maker hanno subito un’impennata clamorosa. Adesso il web pullula di servizi retail di ogni tipo, che si dividono principalmente in due grandi categorie: Market Maker ed ECN.

Il market maker è solitamente quel broker che offre molti bonus, depositi minimi bassissimi e spread medio alti. E’ pratica comune dire che i broker market maker guadagnano SEMPRE dalle perdite dei propri clienti. Nella maggiorparte dei casi funziona quasi sempre così,i quali gestiscono, attraverso sofisticati algoritmi, due tipi di “Book”, un Book dove sono contenuti tutti gli account dei trader “Vincenti” e un’altro book dove sono contenuti tutti i trader “Perdenti”. La percentuale solitamente è di 2% trader vincenti, e il restante 98% di trader perdenti, quindi adesso capirete perché ci sono così tanti broker market maker, perché il loro più grande introito sono i trader perdenti, e per quanto riguarda le vincite del 2% posso essere tranquillamente ammortizzate dalle perdite (che sono profitti per il broker, in quanto soldi che non devono dare indietro al cliente) del 98%.

Nei broker market maker, come potrete immaginare, il cliente “perdente” non è connesso alla liquidità interbancaria, ma gli ordini vengono gestiti “in casa” da un algoritmo. Per quanto riguarda quelli vincenti, l’algoritmo, dopo opportune verifiche, potrebbe connetterlo alla vera liquidità, collateralizzando il rischio.

Per quanto riguarda i broker ECN, la storia è un pò diversa, in quanto il protocollo ECN, dovrebbe (e dico dovrebbe) connettere il cliente, perdente o vincente che sia, direttamente alla liquidità interbancaria. Anni fa, per aprire un account erano necessari conti da migliaia di euro, adesso è possibile aprire conti anche con 1 dollaro di equity, tramite broker che offrono anche conti gestiti tramite il modello Market Maker. Mi sembra ovvio che la cosa sia alquanto sospetta 🙂 Mi sembra ovvio quindi giungere alla conclusione che non esiste alcuna differenza sostanziale tra ECN e Market Maker. La cosa più importante è in quale Book ci troviamo tra questi due broker, non escludendo il fatto che in qualsiasi momento i broker potrebbero provare in qualsiasi modo a farci perdere soldi (Freeze, Slippage, Blocchi della Piattaforma etc).

Tuttavia, generalmente con i broker ECN, grazie alla mia esperienza personale, sono presenti minori blocchi della piattaforma e fenomeni “strani” come Freeze e Slippage.

Quindi il consiglio finale è quello di iniziare con un qualsiasi broker ECN (se ne avete le possibilità di iniziare con molti broker ECN) provando a tradare con i microlotti (quindi depositando il meno possibile) per testare il broker in modalità real, che alla fine è l’unica modalità che conta.

Differenze tra i broker forex
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)

Leave a Reply