La Russia blocca le forniture di Gas all’Ucraina: è allarme

La Russia tira fuori i muscoli, che sembrano essere belli forti e tonici. Putin ha da poco bloccato il Gas che passa proprio attraverso l’Ucraina, sei paesi sono a secco di gas e tutta l’Europa è in allarme rosso per questa situazione.

Vediamo quindi insieme le motivazioni di Putin per questo blocco improvviso delle forniture di Gas.

Vladimir Putin ha tagliato a sorpresa tutte le forniture di Gas Naturale che erano dirette verso l’Ucraina, oppue che utilizzano il territorio Ucraino per dirigersi verso altri paesi.

L’ordine, che è stato fatto direttamente alla Gazprom, è partito proprio ieri, a metà del mese di Gennaio. La motivazione è perché l’Ucraina sta sottraendo gas in maniera illecita.

Questa decisione va quindi a tagliare di ben il 60% delle esportazioni in tutta Europa. Sono adesso ben 6 i paesi che non hanno più gas: la Turchia, Macedonia, Romania, Grecia e anche la Bulgaria.

Attualmente ben il 45% di tutte le esportazioni di Gas Naturale hanno luogo dalla Russia e vanno verso l’Europa e la Turchia direttamente passando dall’Ucraina, adesso tutto ciò non è più possibile.

Secondo Alexey Miller, il CEO di Gazpro, adesso il prossimo obiettivo sarebbe quello di trasferire tutti i gasdotti verso la Turchia, soppiantando definitivamente quindi l’Ucraina, grazie ad una rete ben sviluppata che è in costruzione sotto il Mar Nero.

Interessante vedere che la GazProm viene controllata dal Cremlino e rapprsenta il primo fornitore mondiale di Gas al mondo, con quasi 100 miliardi di metri cubi.

Molti sono gli scettici che non credono che il nuovo gasdotto sotto al Mar Nero non riuscirà a rifornire l’Europa come prima.

Ma ormai secondo Mosca la decisione è stata presa. E’ necessario diversificare per ridurre il rischio di paesi inaffidabili che hanno creato solo problemi negli ultimi anni, e l’Ucraina è proprio uno di questi problemi.

L’unica opzione per la Gazprom è quella di costruire infrastrutture iniziando dal confine strategico che si trova tra Turchia e Grecia. Attualmente non ci sono altre opzioni, e i Russi non scherzano di certo.

La Russia blocca le forniture di Gas all’Ucraina: è allarme
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)