Manipolazioni Forex in Arrivo: Banche centrali pronte a difendere le valute

I paesi emergenti stanno attraversando una fase di grande instabilità finanziaria, e le banche centrali sono pronte a salvaguardare le nazioni dei mercati emergenti.

Le monete dei cosidetti mercati emergenti stanno attraversando un momento di grande crisi, grande crisi che è dovuta ad un particolare momento di instabilità, finanziaria, politica ed economica. Il tutto sembra essere partito dal momemento in cui la FED ha iniziato il cosidetto “Tapering”, ovvero un “assottigliamento” di oltre 1000 miliardi di dollari l’anno nell’economia. Questo ha gravato pesantemente sui mercati emergenti, i quali hanno registrato un pesante decremento di capitali.

C’è stato una repentina svalutazione delle monete di questi paesi emergenti, causando una instabilità finanziaria di non poco conto.

Quali sono questi paesi emergenti

I paesi emergenti sono quei paesi con una grande crescita e potenzialità economica e produttiva, i più importanti sono: Argentina, Brasile, Venezuela, Sudafrica, Turchia, Ucraina, Russia, Indonesia e anche India.

Proprio quest’ultima è riuscita ad uscire dalla crisi, insieme all’Indonesia, ma altre purtroppo sono cadute in gravissime crisi (come Ucraina e Venezuela), crisi sia di tipo economico e politico ma anche finanziario, come è successo al Brasile e alla Russia.

Le mosse delle Banche Centrali

Le Banche Centrale, sono scese più volte in campo, per cercare di salvare il salvabile e per cercare di arginare il più presto possibile il ribasso delle proprie monete. Il Banco Central do Brasil, ha aumentato il tasso d’interesse della propria moneta portandolo quasi al 12%. Qualche giorno fa invece la Nigeria ha aumentato il proprio tasso d’interesse a ben il 13%, in modo da poter sostenere l’economia malridotta.

La Russia invece ha visto il rublo cadere dell’80% in soli due anni. Nel 2013 la Russia si è vista un deflusso di capitali pari a 61 miliardi di dollari. E per il 2014 le stime sono di un deflusso di circa 140 miliardi di dollari.

Per cercare di arginare questa caduta libera del Rublo, la Banca Centrale ha speso ben 1/5 delle proprie riserve per poi essere costretta ad abbandonare questa difesa del Rublo Invana nel Novembre 2014. Adesso però pare essere in grado di tornare alla ribalta, con un nuovo progetto di recupero, un recupero si pensa senza alcun tipo di restrizione. Un crollo eccessivo del rublo minerà alla stabilità finanziara della nazione stessa.

Manipolazioni Forex in Arrivo: Banche centrali pronte a difendere le valute
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)