Russia Shock: Rublo distrutto, Mega Aumento Tassi al 17%, è crisi nera

La Russia dopo aver seminato, adesso raccoglie tempesta: distruzione del rublo, caduta vertiginosa del petrolio, recessione, inflazione, tasso d’interesse al 17% e un possibile default tra qualche mese.

Brutta settimana, la più brutta di sempre dagli anni 90 forse per quanto riguarda i mercati finanziari russi, che hanno dovuto aumentare i tassi d’interesse a ben il 17% (tantissimo considerando che la BCE e la FED hanno attualmente un tasso d’interesse prossimo allo zero) che ha impostato la banca centrale di Mosca. C’è stato un aumento del costo del denaro estremamente incrementato, di oltre 650 punti base, ma tuttavia c’è stato un nuovo tonfo del rublo sia nei confronti dell’Euro, che del Dollaro americano.

Dopo una decade, la Russia torna a temere un possibile default, per una serie di motivi. Tra cui il prezzo del petrolio, che ormai continua a precipitare sotto addirittura i 50 dollari e barile.

Perchè alla Russia potrebbe interessare il valore del Petrolio? Perché i Sovietici sono i principali esportatori di petrolio al mondo e quindi questa caduta vertiginosa avrà delle pesantissime ripercussioni sul bilancio nazionale.

C’è inoltre un abbandono di capitali dalla Russia, nessuno crede più nella Russia anche a causa delle tensioni con Ucraina, Europa e Stati Uniti.

Per quanto riguarda l’economia del paese, la recessione è molto vicina, e molto probabilmente durerà per tutto il 2015 con un PIL che si aggirerà sul -4/5%.

Anche l’inflazione non fa stare calmi gli investitori, che è salita al 9.1% e nel 2015 raggiungerà il 12%, Mosca ha un target del 4%, quindi siamo molto lontani dai livelli desiderati.

Per quanto riguarda le riserve valutarie, la Russia ne ha usate un bel pò per salvare il rublo (100 miliardi), e adesso sono rimasti poco più di 400 miliardi), e secondo alcune stime 170 miliardi non sarebbero utilizzabili perchè bloccati da dei fondi sovrani.

Crollo della Borsa di Mosca epocale

Ad inizio settimana la Borsa di Mosca ha perso quasi il 20% in una seduta, il crollo più assurdo dal 1995.

Dollaro Rublo tocca quasi 80

Rublo letteralmente distrutto anche nel Forex, passando da 50 ad 80 in qualche giorno, quindi questo significa che ogni dollaro vale 80 rubli, rispetto ai 50 dollari di qualche anno fa! Anche EUR/RUB non è da meno, che sfiora i 100.

Russia Shock: Rublo distrutto, Mega Aumento Tassi al 17%, è crisi nera
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)