Secondo Lapo Elkann è ancora presto per un bond Ferrari

In questi giorni si è parlato tantissimo nel quartier generale di Ferrari, cercando di trovare soluzioni per la casa del Cavallino Rampante. Tuttavia le soluzioni che sono state discusse sono risultate tutte molto premature.

Durante la settimana scorsa, il presidente della FCA, John Elkann ha dichiarato che per vedere un bond della Ferrari è ancora presto. L’operazione di rinnovo della società di Maranello è prevista per il 2015, e quindi non è ancora il momento di mettere troppa carne al fuoco. Anche se tuttavia, John Elkann, ha dichiarato che sono al lavoro da tanto tempo e tutti i giorni per cercare di far emettere alla Ferrari il primo prestito obbligazionario.

Secondo indiscrezioni, la Ferrari finanzierà verso FCA un dividendo di quasi 2 miliardi e mezzo nei primi 6 mesi del 2015, con una quotazione del 10% a Wall Street. Questa operazione diminuirà di quasi 1 miliardo il debito che adesso ammonta a circa 10 miliardi euro.

Sempre secondo Elkann, non sono in vista sostanziali cambiamenti nel management della Ferrari e Sergio Marchionne è ancora saldamente a capo di tutta la grande nave Ferrari. Inoltre, un leader come Arrivabene è perfetto sia per la F1 che per la Ferrari in sè, ed è pronto per guidare un fuoriclasse come Vettel.

Un ventaglio di investimenti da fare in Ferrari

Questo cambiamento in Ferrari darà la possibilità alla società di svilupparsi al meglio e di creare delle azioni a voto multiplo, chiamate anche Loyalty Shares) che andranno quindi a premiare gli investitori di lunga data.

Quindi, ci sarà un ottimo taglio di 715 milioni di euro sull’indebitamento industriale netto della casa del Cavallino Rampante. Per quanto riguarda invece il mega assegno da 2 miliardi e passa che la FCA incasserà da Ferrari in parallelo alla scorporazione della Ferrari, si pensa che sarà revisionabile in quanto è soltanto un dato stimato.

Un grande cambio di rotta per l’azienda di Maranello, il cui collocamento avverrà in borsa presso la Sec e sarà rivolta verso investitori statunitensi e internazionali. Tutti i titoli saranno convertiti in azioni FCA, basandosi su un rapporto di conversione che verrà definito durante il processo di pricing.

Secondo Lapo Elkann è ancora presto per un bond Ferrari
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)