Sequenze simili nel comportamento di EUR/USD

Per quanto riguarda la coppia EUR/USD, se prendete e aprite una finestra di un grafico giornaliero, andando a zoomare fuori da ottobre 2014 fino ad oggi, Dicembre 2014, vedrete alcune cose interessanti. Ci sono gli estremi ben definiti a 1.2360 nella parte inferiore, e 1.2576 nella parte superiore. Andando quindi ad ignorare un massimo a 1.25989.

Nel mezzo, si trovano i venditori nell’area 1.2500-1.2508 e compratori nell’area 1.2393-977. Questa sequenza di trading è come un sogno ricorrente. Va alto, e poi va basso. Quando pensi che possa rompere al ribasso, rimbalza verso l’alto di nuovo. Quando pensi che possa andare verso l’alto, si ferma e si muove nuovamente verso il basso. Soltanto l’altro giorno ci trovavamo nell’area “alta” che si trova a 1.2500-1.2508. Il prezzo tornò (ovviamente) al ribasso.

Quindi, con il prezzo che si muove da un minimo di 1.2398, non è difficile rimanere poco sorpresi dal fatto che si vede un decente quantitativo di compratori a tale livello. Ci possono essere delle chance per una rottura ulteriore, forse a 1.23608 ma se il momentum può essere mantenuto, con grande probabilità anche le analisi tecniche rimarranno ribassiste.

Per far sì che questa accada, sarebbe interessante vedere le correzioni tenere contro i livelli che si sono formati con le resistenze rotte proprio più sopra.

Il primo è la trendline che ha tenuto il supporto nella parte iniziale della settimana del 1 Dicembre 2014. Quel livello inizia a 1.2411. Rimanere sotto facendo un movimento verso 1.2393 non significa quindi chiedere troppo.

Se i venditori volessero questa coppia fuori dal range degli ultimi mesi, un allontamento dalle medie mobili a 100 e 200 giorni, e un abbassamento generale del prezzo in questa parte finale dell’anno, dovrebbe essere un bel segnale bearish, ma tuttavia il livello 1.2425 non dovrebbe rompersi con tanta facilità.

Dove può arrivare la coppia Euro/Dollaro

La coppia EURUSD potrebbe andare molto in basso, nel caso dovessero vincere gli orsi contro i tori. Crediamo che un movimento verso i minimi dell’anno a 1.23607 aprirà un target di 1.2329, che è il minimo storico dal 2008. Poi c’è più in basso la trendline tracciata dai minimi del 2012 e 2012: 1.2222. Poi arriva il livello fibonacci 50% (molto importante, in quanto di solito è uno dei pochi livelli che funziona di questo studio) che risale al movimento rialzista dai minimi del 2000 verso i massimi del 2008 che sono a a 1.2131. Potrebbe essere un bel target per Dicembre, provatelo e fateci sapere!

Sequenze simili nel comportamento di EUR/USD
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)